Autore: CLAUDIO ARCURI

Una sedia ostacola il passaggio sul ponte Amerigo Vespucci di Firenze, su di essa una rosa, a ricordare un insensato omicidio avvenuto poche ore prima. La vittima veniva da un paese lontano e da anni viveva a Firenze. In questa città aveva trovato l’America e, neanche a farlo apposta, sul ponte dedicato al famoso navigatore fiorentino, ha invece trovato la morte. Oggi riposa nel suo paese d’origine, in Senegal.