Autore: GIORGIO CIRILLO

Il 23 ottobre del 1956 Budapest insorse contro l’occupazione sovietica e contro il mortificante ed iniquo regime comunista.
Operai e studenti si scoprirono combattenti della libertà e corsero alle armi.
La loro Resistenza venne poi soffocata nel sangue dai cingolati dell’Armata Rossa. Il 23 ottobre di ogni anno, a partire dalla Liberazione del 1989, Budapest ricorda i suoi eroi e i suoi martiri con celebrazioni e rievocazioni anche in costume.
Nella canna dei mitra impugnati dai figuranti di oggi e usati nel 1956 dai loro padri, c’è tuttavia un fiore.