MEMORIA ED OBLIO

Autore: GIORGIO CIRILLO

Descrizione: La foto e’ stata scattata a budapest il 23 ottobre del 2006 in occasione della celebrazione e della rievocazione storica, con figuranti in costume e mezzi bellici dell’epoca, della rivoluzione ungherese del 1956 contro il tirannico regime comunista e contro la colonizzazione dell’ungheria da parte dell’unione sovietica. La cultura dominante, attraverso i mass media, si muove tra il giusto e sacrosanto ricordo della tragedia della shoa e la più attuale tragedia dell’immigrazione. tra l’una e l’altra c’è tutta una storia di stermini, di persecuzioni, di gulag, di deportazioni e di esecuzioni capitali basati sul “crimine” del dissenso: in una parola di diritti umani calpestati. il tutto, a mio parere, consegnato all’oblio. L’europa non deve e non può essere un accordo tra banche e una serie di contratti economico-finanziari, per non dire mercantili: l’europa deve essere una storia condivisa, una cultura comune e in questa storia, in questa cultura vanno assolutamente compresi i paesi dell’est (russia inclusa ovviamente) che sembrano ancora trovarsi al di là di una cortina, non più di ferro, ma, più subdolamente, di indifferenza e, appunto, di oblio.

La mia foto, nel suo piccolo, vuole appunto rimediare a questa “dimenticanza”, se così vogliamo definirla.